Creare dei video e trasmetterli, creare audience e guadagnare dalla produzione di contenuti.

Come possiamo creare un audience che paghi per vedere i nostri contenuti e per seguire le nostre trasmissioni?

In questo contesto si fa riferimento sia all’impresa televisiva, sia ad un’azienda operante in un settore di servizi la cui attività in senso stretto è rappresentata dalla costruzione di video. L’attività di un’impresa che è rappresentata dalla trasmissione di video, nella fornitura di un servizio e nella vendita di prodotti può, pertanto, utilizzare il core business, incentrato sui contenuti.

Creare contenuti interessanti.

Tutti sognano che il proprio video diventi virale.

Per creare video efficace sui social media, occorre innanzitutto porsi la tradizionale domanda di business: inquadrare esattamente il tipo di bisogno che il nostro prodotto o bene fornisce e guidare il nostro spettatore attraverso un’accattivante, meglio ancora se sorprendente ed originale, narrativa che ne spieghi i benefici.

Sarebbe importante creare contenuti che interessano ai visitatori. E come si fa a sapere quali sono i contenuti che interessano alla gente? Semplice, visualizzando le statistiche pubbliche di Google presenti su Internet. A tal proposito, ti suggerisco di  rivolgerti a Google Trends, il tool gratuito reso disponibile proprio da big G grazie al quale gli utenti possono scoprire quelli che sono i video più visualizzati ed i termini maggiormente cercati su Google.

Fai pubblicità al tuo video sui social

Quando crei i tuoi video non dimenticare di aggiungere nel video stesso e nella sua descrizione qualche riferimento ai filmati caricati precedentemente sul tuo canale (possibilmente attinenti al tema trattato nel video corrente) e condividendolo sui social .

Guadagnare con i contenuti.

Una delle forti lamentele che detentori di diritti sui contenuti fanno nei confronti di internet è la grande facilità che gli utenti finali hanno di fare copie di contenuti e quindi la ridotta capacità di generare ricavi dai contenuti (come disse Jeff Zucker, presidente di CNN International, “trading analog dollars for digital pennies”).

WimTV è nata con l’idea di affrontare questa lamentela alla base fornendo una soluzione che, senza disabilitare il buono, abiliti il meglio.

Prima di tutto chi carica un video su WimTV deve dichiarare di avere il diritto di farlo. I video caricati su WimTV sono fruibili da un utente finale, ma non sono copiabili. Gli utenti del servizio WimTrade che uscirà a breve potranno acquisire il diritto – eventualmente a pagamento – di usare contenuti di altri sulla propria WimTV. Tuttavia, mentre un utente può esportare, cioè scaricare, i propri video dal proprio repository (“WimBox”), non potrà esportare i video acquisiti sul mercato di WimTV (“WimMarkt”) a meno di averne acquisito il diritto.

Chiunque può pubblicare i propri video per una fruizione a pagamento, senza alcun costo iniziale, e lo può fare in una varietà di modi. I video possono avere una licenza Creative Commons (ci sono 6 tipi di licenze CC per scopi diversi) o a pagamento. Se un utente finale paga la somma richiesta dalla web tv per quel video, WimLabs incassa una commissione del 30% lordo che include i costi della transazione pagati a PayPal). Quindi la web tv incassa il 70% netto della somma richiesta. L’utente pagante potrà vedere il video per 3 giorni sul dispositivo usato per l’acquisto.

Il costo di un video può anche essere zero. Per l’utente finale la fruizione di quel video è equivalente a quella di un video in CC ma i fondamenti giuridici dei due tipi di fruizioni sono molto diversi. Anche nel mercato WimTV che aprirà a breve i video potranno essere acquisiti con gli stessi tipi di licenza.

Da pochi giorni WimTV offre alle web tv una nuova possibilità di monetizzare i propri contenuti (a breve anche quelli acquisiti da WimMarkt): gli abbonamenti. Usando il servizio WimBundle una web tv può creare un pacchetto di video e darli in visione per una durata e contro il pagamento di una somma, ambedue stabilite dalla web tv. Anche qui  vale la ripartizione degli incassi con i valori indicati sopra, valori che possono variare per grossi volumi di traffico.

Per qualsiasi informazione contattateci su : info@wimlabs.com

www.wim.tv

 

L’importanza di una buona comunicazione video

I media – e tra questi il video e la musica – rappresentano strumenti con un’efficacia comunicativa di gran lunga superiore a quella di una pagina web composta semplicemente da testo ed immagini.

Noi di WimLabs, società specializzata in tecnologie e soluzioni video, abbiamo pensato di  occuparci di identità, oggi il bene più prezioso, in una società in cui tutto rischia di uniformarsi e confondersi.

In quali contesti è prioritario emergere?

Come possiamo far sì che il nostro valore sia riconosciuto?

Come possiamo distinguerci dai competitor?

Dobbiamo comunicare ai consumatori la qualità del marchio differenziando i prodotti e potenziandone i brand.

Nella mente delle persone i brand giocano un ruolo centrale e devono quindi essere trattati come asset strategicamente competitivi.

WimLabs offre strumenti innovativi per valorizzare il tuo marchio.

Con WimTV hai a disposizione un player video che porta il tuo marchio aziendale, uno spazio nel quale personalizzare la tua immagine per favorire il nascere di una condivisione di idee, valori ed emozioni.

Il modo più semplice per imparare è sperimentare. Provalo subito!

Per informazioni contatta: info@wimlabs.com

 

Con WimTV la diretta anche dal tuo smart phone. In quest’articolo ti indichiamo come fare. Provalo è semplice!

WimTV è una webapp che si usa sia su desktop e sia su mobile.

Da oggi ti mostriamo come fare una diretta streaming direttamente dal tuo smart phone o tablet.

WimTV si distingue per il fatto di essere una piattaforma con cui un utente può gestire tutti i suoi asset video, sia sotto forma di file, sia sotto forma di eventi .

Vogliamo fare una prova insieme? Per prima cosa Registrati

Vai su Wim.tv e crea il tuo profilo impostando la password per il live (la password è importante per fare streaming, per impedire ad altri di usare il tuo account, a tue spese!).

Clicca il tab WimLive della consolle ed entra nel servizio WimLive.

Se non hai già creato un canale, fallo ora! Inserisci il nome del canale, una breve descrizione e richiedi una URL di streaming.

Poi crea il tuo evento a cui dai un nome, decidi se è a pagamento, inserisci ora/minuto di inizio/fine, decidi se è pubblico e se WimTV deve registrarlo.

Adesso l’evento è creato!

 Ora ci vuole un’app con cui trasmettere l’evento ripreso dalla camera del tuo smart phone in diretta sul web.

Supponiamo(scarica) di usare Wowza GoCoder, un’app gratuita.

Segui come fare nell’app:

tocca il primo bottone il alto a destra e

– scegli Wowza Streaming Engine, nella nuova pagina scegli Host, immetti “streaming.wim.tv”

– scegli Application, nella nuova pagina sotto Stream Name immetti lo stream name del tuo canale WimTV

– scegli Login, nella nuova pagina immetti il tuo WimTV username e la tua password di streaming.

A questo punto, chi va sulla tua web TV di WimTV potrà vedere il tuo live (se hai scelto di rendere pubblico l’evento).

Ah, dimenticavo, la prossima volta lo streaming dell’evento sarà immediato perché i dati sull’app sono ormai registrati.

Perché dovresti usare WimTV e non un servizio concorrente?

Con WimTV puoi registrare l’evento, puoi rendere l’evento a pagamento, puoi pubblicare sulla tua web TV o su un altro sito sia l’evento in diretta sia la sua registrazione  .

Sappiamo bene che anche altri offrono alcune di queste funzionalità. Il bello di WimTV è che le hai tutte insieme sulla stessa webapp e senza dover istallare o aggiornare app. Ed inoltre puoi decidere tu cosa e come pubblicarlo,  puoi decidere tu se renderlo pubblico o privato ed infine puoi decidere tu il tuo brand.

Dai avanti provalo ora, approfitta delle vacanze di Natale per sperimentare questa funzionalità.

Noi siamo con te!!

 per info: info@wimlabs.com

Chiama 338 105 9702

 www.new.wim.tv

 

WimTV – una nuova generazione del video nel web

La piattaforma Wim Tv, in questa nuova generazione del video nel web, progetta e sviluppa soluzioni tecnologiche in linea con l’evoluzione. In questo articolo affronteremo per punti i cambiamenti e le proposte offerte:

  • Esser padroni e creatori delle nostre idee e dei contenuti che vogliamo pubblicare..

 Negli articoli precedenti si è esaminato il contesto “legale” di WimTV e cioè come sono regolati i rapporti tra il detentore dei diritti del contenuto e la piattaforma. A differenza della maggioranza della altre piattaforme, WimTV offre servizi di hosting e streaming e gestisce i pagamenti dietro commissione ma non accampa diritti sui contenuti caricati.

Questa discussione sui diritti di WimTV non è soltanto “roba da avvocati”, ma è molto concreta perché l’utente che vuole sfruttare la propria creatività deve avere a disposizione flessibilità per definire l’uso che viene fatto dei suoi contenuti pubblicati sulla piattaforma.

La pubblicazione non è un semplice “metti i tuoi video sulla tua pagina” di altre piattaforme perché in WimTV è possibile pubblicare un video con una licenza Creative Commons oppure con il normale copyright.  In quest’ultimo caso il video può essere pubblicato a pagamento oppure gratuito. Nel primo caso l’utente deve avere un conto PayPal.

  • La diretta streaming. Dalla telecamera al mobile.  

Un’altra funzionalità importante è la diretta streaming. Dalla consolle è possibile aprire dei “canali” che possono essere popolati di “event” ognuno dei quali ha un inizio ed una fine e può essere gratuito o a pagamento. Se si è su desktop si può usare sia la camera del PC sia una o più camere esterne. È anche possibile utilizzare il software WMLE (WimLabs Media Live Encoder) con cui si può collegare una telecamera IP, ad esempio collegata via WiFi.

Una funzionalità molto apprezzata è quelli da poter chiedere a WimTV di registrare un evento mentre lo si trasmette. Al termine dell’evento l’utente si ritrova il video dell’evento già nella propria area pronto per essere pubblicato, a sua scelta, in Creative Commons o in copyright (eventualmente a pagamento).

Da mobile si possono svolgere le stesse funzioni, in particolare mandare un video in diretta dal proprio smart phone, lanciando l’app Wowza che cattura il video dello smart phone e lo manda al server WimTV per essere diffuso.

  • Dare un valore a ciò che guardi

Finora abbiamo parlato di WimTV in ottica di utente gestore di una web TV, ma non abbiamo parlato dell’ utente finale, quello che guarda i video su WimTV. Ebbene, c’è poco da dire perché non si richiede altro che abbia un normalissimo browser su desktop o su mobile. Se l’utente finale vuole vedere un video a pagamento pagherà o con carta di credito o (più comodamente) con PayPal. Ogni pagamento viene immediatamente accreditato sul conto PayPal dell’utente gestore della web TV dedotta la commissione WimLabs del 30% (che include le commissioni PayPal).

Ci fermiamo qua? Naturalmente no. A breve usciremo con la funzionalità “abbonamenti” con cui l’utente potrà vendere la visione di un determinato gruppo di video dell’utente per un determinato periodo di tempo, ma abbiamo in mente altre cose che vi faremo conoscere molto, molto presto.

Per informazioni: info@wimlabs.com

www.new.wim.tv

www.wimlabs.com

www.cedeo.net

 

Dove c’è WimLabs c’è video !

Vogliamo dare un’occhiata alle opportunità? Cosa offre Wimlabs?

Nata nel 2011, la startup WimLabs caratterizza la sua presenza in tutte le aree in cui il video è una componente fondamentale dell’applicazione. Possiamo individuare alcuni prodotti e servizi offerti da WimLabs: 

ADAPT è una soluzione per i clienti che vogliono avere una piattaforma proprietaria in grado di gestire un elevato numero di contenuti (e.g. 100.000 e più) ed un elevato numero di utenti che accedono ai contenuti on demand ed agli eventi in diretta della piattaforma. Vai a webtv.loescher.it per vedere un esempio di uso di ADAPT.

WimTV (servizio) è un servizio che consente agli utenti professionali di fruire delle funzionalità normalmente richieste dall’ecommerce di contenuti video: video on demand ed eventi live in modalità gratuita ed a pagamento, palinsesti di tipo televisivo, commercio professionale di contenuti e nuove forme di editoria multimediale (video bridget).Vai a (link) per un’illustrazione più dettagliata delle funzionalità di WimTV.

 WimTV (prodotto) è un prodotto dato in licenza a chi desidera avere una versione brandizzata di WimTV. Questo è possibile grazie ad una moderna architettura di software basata su Docker Compose e mirata al cloud ed alla distribuzione globale su Amazon Web Services (AWS).

 WimTVPro (plugin) è disponibile come plugin di WordPress e modulo Drupal che consente ai clienti che hanno un sito basato su questi Content Management Systems (CMS) di avere nativamente disponibili sul proprio sito una buona parte delle funzionalità della piattaforma WimTV.

 Stream4U è un servizio di diretta streaming che consente ai clienti di creare e gestire eventi live anche di grandi dimensioni (e.g. decine di migliaia di utenti) con alta stabilità e scalabilità grazie alla possibilità di aumentare e ridondare le componenti del sistema e la possibilità di passare attraverso firewall. Vai a (link) per un’illustrazione più dettagliata delle funzionalità di Stream4U.

WimBridge è una componente dell’ecosistema WimTV ma anche una soluzione stand alone che permette ai service provider, in particolare i broadcaster, di creare e gestire a basso costo servizi di 2nd screen.

Vi terremo aggiornati con i prossimi articoli.

Per informazioni: info@wimlabs.com

www.wim.tv

www.wimlabs.com

www.stream4u.net

 

 

 

Stream4U, la diretta streaming per i grandi eventi!

Adesso hai lo strumento per farlo dando più valore ai tuoi exhibitor. Scegli gli eventi da mandare in streaming e amplifica la loro portata!

Stream4U (www.stream4u.net) è il servizio di diretta streaming professionale e con alte caratteristiche tecniche.

Raggiungi nei tuoi programmi, nelle tue riprese, nei tuoi servizi in diretta una qualità con Stream4U.

Stream4U è caratterizzata da un supporto tecnico competente che svilupperà la diretta streaming in modo affidabile, scalabile e con la possibilità di passare attraverso firewall aziendali garantendo la massima stabilità.

Per saperne di più contattaci subito!

 

Abbattiamo i muri sui diritti d’autore.

La trasparenza e la creatività due capacità per vincere.

La diretta streaming per la trasparenza e la web Tv per la creatività.

Quest’anno si celebra la XXX Edizione del Festival Internazionale di Cinema e Televisione e si accenderanno i riflettori sul “Cinema di servizio pubblico” il 21 e 22 ottobre a Roma. Il tema di fondo “Trent’anni di Eurovisioni, sessant’anni del Trattato di Roma: quale audiovisivo per l’Europa di domani?

Bisognerà sfruttare in maniera decisamente migliore le notevoli opportunità offerte dalle tecnologie digitali, che non conoscono confini. Per realizzare questo obiettivo dovremo avere il coraggio di superare i compartimenti stagni delle regolamentazioni nazionali nel settore del diritto d’autore. Il mercato unico digitale offrirà al mondo degli affari, in particolare agli imprenditori, nuove possibilità di espansione in tutta Europa. È quindi necessaria un’azione immediata per abbattere le barriere che bloccano l’attività online attraverso le frontiere, tra cui le divergenze tra i diversi Stati membri nel diritto dei contratti e nella disciplina del diritto d’autore e l’alleviamento dell’onere dell’IVA.

La rapida evoluzione tecnologica e lo sviluppo di nuovi modelli aziendali di distribuzione dei contenuti agiscono sul paesaggio audiovisivo: gli spettatori accedono via internet ai contenuti audiovisivi con modalità sempre più diversificate, i dispositivi portatili (come gli smartphone) modificano le abitudini di visione. La direttiva sui servizi di media audiovisivi , che ha favorito la circolazione dei programmi audiovisivi e dei servizi di media all’interno dell’UE devono comunque sottostare a obblighi meno rigorosi, perché l’utente dispone di maggiore scelta e controllo su contenuti e tempi di visione. Aiutando le piccole imprese a entrare nel mondo online e a raggiungere nuovi mercati. I modelli aziendali tradizionali sono stati messi in discussione, rapidamente e profondamente, dall’emergere di piattaforme nuove, oggi anch’esse in crescita esponenziale, dedicate a servizi nei settori della mobilità, turismo, musica, audiovisivi, istruzione, finanza, alloggio e assunzione di manodopera.

Successivamente dovranno esserci le Pubbliche amministrazioni in rete che in modo trasparente metteranno in evidenza alcune decisioni prese durante un consiglio comunale ed alcuni clienti di Cedeo lo fanno già!

Noi ci siamo!

www.wim.tv

http://wimlabs.com/stream4u/

Verso l’Innovazione

Anche nell’epoca digitale, la Commissione europea immagina i giornali pensando alla “stampa”. Quella parola, dal sapore tecnologicamente antico è ovunque nel progetto di riforma del copyright della Commissione europea. E proprio alla difesa del mondo della “stampa” dalla concorrenza delle piattaforme online si riferisce uno dei contenuti più importanti dell’ipotizzata direttiva: l’introduzione del diritto di far pagare la ripubblicazione sui motori di ricerca anche solo di due righe tratte dagli articoli soggetti a copyright come fa Google News.
La direttiva proposta dalla Commissione europea si presenta come un necessario adattamento del copyright alla trasformazione digitale dell’industria che si occupa della produzione e distribuzione di servizi di informazione e programmi di intrattenimento.
Il contesto competitivo è cambiato radicalmente negli ultimi vent’anni e continua ad evolvere. Nel giornalismo, un mercato globale da 130 miliardi, nel 2016 il fatturato da pubblicità scende al di sotto del valore di vendite e abbonamenti, come registra Pwc. Nella musica, il ritorno alla crescita dopo una ventina d’anni di quasi continua contrazione è stato realizzato quest’anno con gli abbonamenti ai servizi in streaming, mentre continua a diminuire la vendita di dischi e il download di brani musicali, segnala Ifpi. Anche nel video le cose cambiano, con le nuove piattaforme on demand che si aggiungono alle tv in abbonamento per generare la crescita che da tempo le tv generaliste non ottengono.
tratto da Sole24ore
Wimlabs

Dai valore ai tuoi eventi. Con la diretta streaming lo puoi fare!

STREAM4U, LA SOLUZIONE AFFIDABILE, SCALABILE ED ALLA PORTATA DI TUTTI.
“Il teatro in streaming per rilanciare l’opera italiana in tutto il mondo”. Aggiungi una passione smisurata per il teatro e la voglia di portare la cultura a tutti. Ma proprio tutti!!
Prendi un piccolo teatro di provincia e mettilo insieme a un gruppo di artisti italiani e stranieri. Sviluppa un tuo progetto ed appelati al web per una raccolta fondi a favore della cultura.
Il crowdfunding nasce dalla constatazione della scarsa attenzione delle istituzioni alla propria cultura, al proprio territorio e, in generale, alla mancanza dei fondi per la tutela del patrimonio. Abbiamo pensato che le nuove tecnologie, accessibili oramai a tutti, ci permettono di far entrare nelle case degli utenti e degli appassionati di tutto il mondo dando vita al tuo progetto”.
Inserisci il teatro in diretta!
www.wimlabs.com